Read Aloud the Text Content

This audio was created by Woord's Text to Speech service by content creators from all around the world.


Text Content or SSML code:

Sorriso veloce o sorriso speciale? Nel 1936, uno dei sei must di Dale Carnegie in How to Win Friends and Influence People era SMILE! Il suo editto è stato ripreso ogni decennio da praticamente tutti i guru della comunicazione che hanno messo la penna sulla carta o la bocca sul microfono. Tuttavia, al volgere del millennio, è giunto il momento di riesaminare il ruolo del sorriso nelle relazioni umane di alto livello. Quando si scava più a fondo nel dettame di Dale, si scopre che un sorriso veloce del 1936 non sempre funziona. Soprattutto al giorno d'oggi. Il vecchio sorriso istantaneo non ha peso con la folla sofisticata di oggi. Guardate i leader mondiali, i negoziatori e i giganti aziendali. Non un sicofante sorridente tra loro. I giocatori chiave in tutti i settori della vita arricchiscono il loro sorriso in modo che, quando scoppia, ha più potenza e il mondo sorride con loro. I ricercatori hanno catalogato decine di tipi diversi di sorriso. Vanno dall'elastico stretto di un bugiardo intrappolato al sorriso morbido e molle di un neonato solleticato. Ci sono sorrisi caldi e sorrisi freddi. Ci sono sorrisi veri e sorrisi finti. (Ne hai visti molti di quelli stampati sui volti degli amici che dicono di essere "lieti che tu abbia deciso di passare" e dei candidati presidenziali in visita nella tua città che dicono di essere "entusiasti di essere in, uh... uh...") I grandi vincitori sanno che il loro sorriso è una delle loro armi più potenti, quindi lo hanno messo a punto per il massimo impatto. Come mettere a punto il tuo sorriso Ho una vecchia amica del college di nome Missy che, proprio l'anno scorso, ha rilevato l'azienda di famiglia, una società che fornisce scatole di cartone ondulato ai produttori. Un giorno mi ha chiamato dicendo che sarebbe venuta a New York per corteggiare nuovi clienti e mi ha invitato a cena con alcuni dei suoi potenziali clienti. Non vedevo l'ora di rivedere il sorriso smagliante della mia amica e di sentire la sua risata contagiosa. Missy era un'inguaribile ridacchiatrice e questo faceva parte del suo fascino. Quando suo padre è morto l'anno scorso, mi ha detto che avrebbe rilevato l'attività. Ho pensato che la personalità di Missy fosse un po' troppo frizzante per essere un amministratore delegato in un'azienda difficile. Ma, ehi, cosa ne so io del settore delle scatole ondulate? Lei, io e tre dei suoi potenziali clienti ci incontrammo nella sala cocktail di un ristorante del centro e, mentre li conducevamo nella sala da pranzo, Missy mi sussurrò all'orecchio: "Per favore, chiamami Melissa stasera". Certo", ho risposto con un occhiolino, "non molti presidenti di società si chiamano Missy! Poco dopo che il maitre ci fece accomodare, cominciai a notare che Melissa era una donna molto diversa dalla ragazza ridacchiante che avevo conosciuto al college. Era altrettanto affascinante. Sorrideva come sempre. Eppure c'era qualcosa di diverso. Non riuscivo a capire cosa fosse. Anche se era ancora effervescente, avevo la netta impressione che tutto ciò che Melissa diceva fosse più profondo e sincero. Rispondeva con calore genuino ai suoi potenziali clienti, e potevo dire che anche loro la apprezzavano. Ero entusiasta perché la mia amica stava mettendo a segno un colpo quella sera. Alla fine della serata, Melissa aveva tre nuovi grandi clienti. In seguito, sola con lei nel taxi, le dissi: "Missy, hai fatto davvero molta strada da quando hai preso in mano l'azienda. Tutta la tua personalità ha sviluppato, beh, un bordo aziendale davvero fresco e tagliente". 'Uh uh, solo una cosa è cambiata', disse lei. Cos'è? 'Il mio sorriso', disse lei. 'Il tuo cosa?' Chiesi incredulo. Il mio sorriso", ripeté come se non l'avessi sentita. Vedi", disse, con uno sguardo distante nei suoi occhi, "quando papà si è ammalato e sapeva che in pochi anni avrei dovuto prendere in mano l'azienda, mi ha fatto sedere e ha avuto una conversazione che mi ha cambiato la vita. Non dimenticherò mai le sue parole. Papà disse: "Missy, tesoro, ricordi quella vecchia canzone, 'I Loves Ya, Honey, But Yer Feet's Too Big? Beh, se vuoi diventare grande nel business delle scatole, lasciami dire: "Ti amo, tesoro, ma il tuo sorriso è troppo veloce". Poi tirò fuori un articolo di giornale ingiallito che citava uno studio che aveva conservato per mostrarmi al momento giusto. Riguardava le donne negli affari. Lo studio mostrava che le donne che erano più lente a sorridere nella vita aziendale erano percepite come più credibili'. Mentre Missy parlava, ho cominciato a pensare a donne come Margaret Thatcher, Indira Gandhi, Golda Meir, Madeleine Albright e altre donne potenti del loro genere. È vero, non erano famose per i loro sorrisi veloci. Missy ha continuato: "Lo studio ha continuato a dire che un grande, caldo sorriso è una risorsa. Ma solo quando arriva un po' più lentamente, perché allora ha più credibilità". Da quel momento in poi, ha spiegato Missy, ha dato ai clienti e ai soci d'affari il suo grande sorriso. Tuttavia, ha allenato le sue labbra ad eruttare più lentamente. Così il suo sorriso appariva più sincero e personalizzato per chi lo riceveva.